LA RESPONSABILITA’ DEL MEDICO E … LA VITA

Perdonatemi se parlo in prima persona. Perchè non ho potuto fare altro che guardare questo processo con gli occhi del mio cliente, con il suo cuore, con la sua pregevole voglia di salvare una vita umana. Non quella del suo caro defunto bensì quella di chi “verrà dopo”. E’ questo che fa di un soggetto un essere infinitamente ammirevole e civile. Non giustizia per sè, ma per il bene comune.