QUANTO COSTA LA GIUSTIZIA


E’ recente, di due giorni fa, il decreto legge che sancisce l’aumento del contributo unificato (D.L. 24 giugno 2014 n. 9).
Contributo unificato…ma a cosa corrisponde per davvero questa dicitura? Perchè quando i clienti in studio sentono parlare dei “costi della giustizia” li ricollegano ai costi dell’avvocato, ma così non è.
Il contributo unificato è l’esborso che lo Stato Italia chiede al cittadino per poter dare il via ad una causa.
Eppure all’università io ricordo bene che il docente di diritto privato si impegnava moltissimo a spiegarci che tutti i cittadini sono portatori di diritti soggettivi giuridicamente tutelati. Tutelati? Verrebbe da domandarsi chi davvero li tutela questi cittadini.
Eh già, perchè se per difendermi da una sanzione amministrativa ingiusta (una multa) magari di €.45,00, poi devo versarne €.43,00 per dare avvio ad un giudizio (senza contare l’eventuale necessità di essere assistiti da un avvocato), allora la “multa” la pago e basta, senza pensarci più. Ma tale soluzione viaggia ben lontana dal percorso della giustizia.
Tante le riforme, tanti i mutamenti che le spese della giustizia hanno visto nel corso degli anni, ma posso tranquillamente affermare che mai, MAI, le riforme sui costi della giustizia vengono fatte a favore (o a tutela ) della giustizia stessa. Che dire poi delle sentenze in cui i Giudici si limitano a compensare le spese? In questo caso ognuno paga il proprio avvocato, ok, ma le spese di avvio? Sono passati così tanti anni che nessuno le ricorda più. Questo non va bene. I Giudici devono ricordare chi ha dovuto PAGARE PER L’OTTENIMENTO DI UN DIRITTO.
Questo articolo ha il tono polemico, ma vuole essere un pensiero di protesta nei confronti di chi è sordo al lavoro dei giovani avvocati. Gli avvocati che non hanno uno stipendio, che non hanno tutele pensionistiche, che devono pagare per tutto senza poter mai chiedere nulla in cambio. La nostra vita, quella che un ventennio fa era simbolo di benessere, è diventata una vita a tratti umiliante, sterile di risultati esaltanti. Già, perchè anche quando “si vince” il cliente è stanco per tutti gli anni che ha dovuto attendere, e quel diritto che tanto voleva vedere riconosciuto a tratti non lo ritiene più importante.
La Giustizia va alleggerita, non messa in ginocchio.
Un’ anziana signora che non si regge in piedi e non fornisce certezza alcuna di cammino.
Sono un avvocato. Sono un giovane avvocato. Sono un avvocato che lavora per la passione del diritto, perchè la giustizia non deve essere utopia. Sono un avvocato che sta in trincea di pomeriggio e sul campo di battaglia la mattina. Questa lotta la dobbiamo vincere, la giustizia deve ritornare ad essere la madre di tutte le certezze.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...